Questo sito utilizza cookie di terze parti Se vuoi saperne leggi l informativa completa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Leggi Informativa Completa

Hai rifiutato cookie. Questa decisione può essere invertita .

Hai appena dato il permesso ai cookie per essere immessi sul vostro computer. Questa decisione può essere invertita .

Confermato lo sciopero dei Giudici di Pace dal 23 al 30 novembre

Scritto da Redazione on . Postato in News Legislative

Comunicato stampa - L’unione Nazionale dei Giudici di Pace manifesta il proprio totale disappunto sull’operato del Governo in sede emendativa al ddl stabilità.La previsione di una proroga di appena 5 mesi dei giudici di pace in servizio, mentre è in discussione al Senato un disegno di riforma che necessiterà di non meno di 2 anni per entrare a regime, trattandosi di legge delega, è semplicemente offensiva della dignità della categoria.
Ed intanto sono stati bocciati dalla commissione bilancio, a seguito del parere contrario del Governo, tutti gli emendamenti fatti presentare da tutti i senatori della commissione Giustizia, sia di maggioranza che di opposizione, i quali prevedevano la cancellazione dell’incostituzionale taglio alle indennità dei giudici di pace e degli altri magistrati onorari, già misere e mai rivalutate dal 2000 ad oggi. E’ l’ennesima riprova dell’arroganza di questo Esecutivo, che non ascolta neppure i sensati suggerimenti di parlamentari appartenenti alle stesse forze politiche che sostengono il Governo. Aggiungasi che l’emendamento sulla proroga è stato scritto in maniera a dir poco approssimativa, in quanto si sono dimenticati di estendere la proroga ai giudici di pace più giovani che scadranno dalle funzioni nei primi mesi del 2016, così venendo meno il Governo, per l’ennesima volta, alle sue dichiarazioni opportunistiche di favore per il lavoro dei giovani, quando nei fatti, si verrebbero a cacciare e mettere per strada proprio i magistrati più giovani, dopo che per quasi 12 anni hanno prestato servizio nell’interesse del Paese senza nessuna tutela.
Dinanzi a tanta avversione, da parte del Governo, nei confronti della magistratura di pace ed alla palese superficialità nella stesura di norme basilari, non possiamo che manifestare la nostra totale insoddisfazione per l’operato di Renzi e del Ministro Orlando e confermare lo sciopero dal 23 al 30 novembre.
 
Roma 19 novembre 2015
 
Maria Flora Di Giovanni
(Presidente Nazionale)
 
Alberto Rossi
(Segretario Generale)