Geografia giudiziaria, la Consulta boccia il referendum sul taglio dei tribunali

Scritto da Redazione on . Postato in News Legislative

La Corte costituzionale giudica inammissibile la richiesta di referendum abrogativo riguardante il taglio dei tribunali. Lo rende noto l'ufficio stampa della Consulta con il seguente comunicato: “La Corte costituzionale, in data 15 gennaio 2014 - si legge nel comunicato - ha dichiarato inammissibile la richiesta di referendum abrogativo riguardante: - l'art. 1, commi 2, 3, 4, 5, 5-bis della legge 14 settembre 2011, n.148 (Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 13, recante ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo. Delega al Governo per la riorganizzazione della distribuzione sul territorio degli uffici giudiziari); - l'intero decreto legislativo 7 settembre 2012, n. 155 (Nuova organizzazione dei tribunali ordinari e degli uffici del pubblico ministero, a norma dell'art. 1, comma 2, della legge 14 settembre 2011, n.148); - l'intero decreto legislativo 7 settembre 2012, n. 156 (Revisione delle circoscrizioni giudiziarie -Uffici dei giudici di pace , a norma dell'art. 1, comma 2, della legge 14 settembre 2011, n. 148). La sentenza sarà depositata entro i termini previsti dalla legge”.