Questo sito utilizza cookie di terze parti Se vuoi saperne leggi l informativa completa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Leggi Informativa Completa

Hai rifiutato cookie. Questa decisione puň essere invertita .

Hai appena dato il permesso ai cookie per essere immessi sul vostro computer. Questa decisione puň essere invertita .

Associazioni forensi specialistiche, il Cnf approva il regolamento

Scritto da Redazione on . Postato in News Legislative

Il Consiglio nazionale forense ha approvato in via definitiva il regolamento che istituisce e disciplina l’elenco delle associazioni forensi specialistiche maggiormente rappresentative, in attuazione dell’articolo 35 comma 1 lettera s) della legge n. 247/2013 (Nuovo ordinamento della professione di avvocato).

Le associazioni specialistiche inserite nell’elenco parteciperanno con i Consigli dell’Ordine all’organizzazione di corsi per l’acquisizione del titolo di avvocato specialista, che rappresenta uno dei punti qualificanti della riforma forense.

 

Sul titolo di specialista regolamento del ministero

Spetta invece al ministero della Giustizia adottare il regolamento per la definizione delle modalità per ottenere il titolo di specialista. Il regolamento stabilisce che l’elenco delle associazioni maggiormente rappresentative sia pubblicato sul sito del Cnf e sia costantemente aggiornato.

 

I requisiti per l’iscrizione

Tra i requisiti di iscrizione nell’elenco figurano un numero di iscritti significativo su base nazionale tenuto conto del settore di interesse, la previsione espressa tra gli scopi statutari della promozione del profilo professionale specialistico e la formazione e l’aggiornamento, una sede nazionale e un organismo di coordinamento delle attività svolte sul territorio nazionale.

 L’offerta formativa

Ma si dovrà anche assicurare una offerta formativa nelle materia di competenza attraverso strutture organizzative e tecnico-scientifiche adeguate e dimostrare di aver organizzato, almeno nell’anno precedente alla richiesta di iscrizione, una significativa attività formativa nel settore di interesse. Le Associazioni non dovranno avere scopo di lucro, l’attività formativa dovrà essere gratuita salva la possibilità di richiedere ai partecipanti il rimborso delle spese sostenute.

 

La domanda di iscrizione nell’elenco, da inviare al Cnf che delibererà entro 90 giorni, dovrà essere corredata dalla documentazione comprovante il possesso dei requisiti richiesti.

 

La persistenza dei requisiti

“Grande attenzione”, si legge in nel comunicato del Cnf, è posta sulla “persistenza” dei requisiti di iscrizione nel corso del tempo. Il mantenimento della iscrizione nell’elenco è infatti subordinato a tale persistenza, la cui verifica si farà ogni tre anni. In ogni caso, il Cnf eserciterà la vigilanza su di essa e sull’attività formativa anche disponendo controlli.

 In caso di perdita dei requisiti, il Cnf può revocare, con provvedimento motivato e previa audizione dei rappresentanti dell’associazione, l’iscrizione nell’elenco.

Il regolamento è  entrato in vigore il 12 Aprile.

Guida al Diritto