Questo sito utilizza cookie di terze parti Se vuoi saperne leggi l informativa completa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Leggi Informativa Completa

Hai rifiutato cookie. Questa decisione pu essere invertita .

Hai appena dato il permesso ai cookie per essere immessi sul vostro computer. Questa decisione pu essere invertita .

06-07-2012. - Aboliti 674 Giudici di Pace - Severino: «Riforma epocale, cambia la geografia del Paese»

Scritto da La Redazione on . Postato in News Legislative

Roma - Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera al decreto di attuazione della delega sulla revisione delle circoscrizioni giudiziarie. Il testo, che è stato approvato all'unanimità e conferma quanto previsto in entrata, prevede la riduzione e l'accorpamento di 37 tribunali sui 165 esistenti e la soppressione di tutte le 220 sezioni distaccate di tribunale. Viene prevista inoltre la redistribuzione del personale sul territorio.  Severino: il taglio dei tribunali non c'entra con la spending review. «Si è parlato di questo provvedimento come legato alla spending review - ha detto oggi il ministro della Giustizia, Paola Severino, riferensosi al taglio dei tribunali - Non è così, anche per un criterio cronologico, perché deriva da una delega ereditata dal precedente governo e che risale al 2011 quando questo governo non era ancora in carica».  «Taglio uffici riforma epocale». «La revisione delle circoscrizioni giudiziarie - ha detto Severino - è una riforma epocale, perché cambia la geografia giudiziaria del Paese, ferma all' epoca dell'unità d'Italia, quando si girava con le carrozze e non con i treni ad alta velocità».  
«Aboliti 674 giudici di pace senza pesare sull'economia». «Il provvedimento sui giudici di pace - ha detto Severino - già assunto e sottoposto al parere delle commissioni competenti, ha portato all'abolizione di 674 giudici di pace su base di criteri oggettivi senza che questo pesasse sull'economia della amministrazione della giustizia».

Fonte : www.ilmattino.it