08.05.2010. - I giudici di pace vanno in rete - lo annuncia il ministro Alfano con un videomessaggio. «Meno code e rispami» -

Scritto da La Redazione on . Postato in News Legislative

ROMA - Ricorsi a giudici di pace on line. Lo annuncia direttamente via web il guardasigilli Angelino Alfano. È la prima volta. In un videomessaggio di 3 minuti e 80 secondi su www.giustizia.it, il ministro, spiega ai cittadini come accedere al nuovo servizio. L'intero meccanismo dei giudici di pace messo in rete ridurrà code agli sportelli, tempi lunghi e difficoltà di accesso alla giustizia intesa come servizio al cittadino. VERE INCHIESTE - «Il sistema dei giudici di pace smaltisce e gestisce ogni anno 2 milioni di procedimenti». È l'esordio del ministro. «Lo abbiamo visto da importanti e veritiere trasmissioni televisive». E poi la novità: «Abbiamo individuato la strada per risolvere tutto questo e ci stiamo già riuscendo perché abbiamo messo tutto il meccanismo di funzionamento dei giudici di pace su internet al sito del ministero».  
RICORSI - In pratica da casa, si potranno inserire i dati dei propri ricorsi e controllare a che punto sono, sempre on line. «Risolvendo - dice il ministro - l'altro grande dramma del cittadino italiano rispetto alla giustizia: "che fine ha fatto il mio ricorso?". Questo lo potremo sapere direttamente accedendo al sito e vedendo a che punto siamo arrivati. È la prova - rivendica orgoglioso - che stiamo riformando il Paese attraverso le leggi ma che le riforme passano anche per buone idee che si sviluppano amministrativamente attraverso la digitalizzazione e la prassi».  
DECRETI INGIUNTIVI - Le possibilità di ricorrere online al giudice di pace raddoppiano, è scritto sul sito del ministero: dopo l’opposizione alle sanzioni amministrative, da oggi il cittadino può proporre ricorsi via internet anche contro i decreti ingiuntivi. In questo modo, il cittadino potrà accedere più rapidamente ai servizi della giustizia e i procedimenti davanti ai giudici di pace saranno più veloci e trasparenti. L’amministrazione della Giustizia, inoltre, risparmierà su costi e risorse e risulterà particolarmente semplificato anche il lavoro negli uffici delle grandi città, dove si riversa una grande quantità di ricorsi.  
RISPARMI - «Inaccettabile che i cittadini possano vivere meglio utilizzando tutti i servizi della rete ma non possano accedere alla giustizia attraverso internet, i suoi benefici, la sua trasparenza, la sua velocità. Ecco perché abbiamo messo in rete i processi riguardo ai giudici di pace e crediamo che questo possa raggiungere due grandi risultati: fare risparmiare tempo ai cittadini - e se il tempo è uguale denaro il risparmio è grosso perché di tempo se ne perdeva tanto - e far risparmiare soldi allo Stato, che alla fine sono sempre soldi del contribuente». «In tanti - conclude Alfano - parlano di riforma della giustizia, in tanti immaginano che possa essere solo una questione di polemica politica: noi la riforma la facciamo ogni giorno attraverso l'efficienza e scelte che migliorano la qualità della vita dei cittadini».  

Fonte: corriere.it