Questo sito utilizza cookie di terze parti Se vuoi saperne leggi l informativa completa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Leggi Informativa Completa

Hai rifiutato cookie. Questa decisione pu essere invertita .

Hai appena dato il permesso ai cookie per essere immessi sul vostro computer. Questa decisione pu essere invertita .

Sanzioni amministrative –provvedimenti di revisione della patente –competenza del TAR – 21.04.2011

Scritto da La Redazione on . Postato in Articoli News

“Fuori di dubbio che in tema di impugnazione di provvedimenti di decurtazione del punteggio ai sensi dell’art. 126 bis Codice Stradale la controversia rientra nella giurisdizione del Giudice Ordinario (v. Cass. , 9691/10, 20544/08 e 18270/07),  quella invece in tema  di provvedimenti di revisione della patente, disposta ai sensi dell’art. 126 bis CDS  ricade nella giurisdizione del giudice amministrativo, secondo la giurisprudenza predominante,  alla quale questo GDP aderisce ( in attesa che la Cassazione, a sezioni unite, si pronunci sulla questione), e ciò  in quanto l’art. 126 -bis, comma 6 del codice della strada, in realtà, presuppone una presunzione dubitativa sulla oggettiva idoneità alla guida da parte del titolare della patente che abbia  subito la perdita totale del punteggio, con conseguente revisione della patente di guida “ex lege”,  secondo quanto in particolare previsto dall’art. 128 dello stesso codice per come modificato a seguito della legge 29.07.2010 n. 120 a partire dal 13.08.2010”.   





                                                                       REPUBBLICA ITALIANA 

                                                                IN NOME DEL POPOLO ITALIANO 
  
                                                               IL GIUDICE DI PACE DI TARANTO

 
nella persona del dr. Martino Giacovelli, ha emesso la seguente SENTENZA  
nel ricorso, iscritto al n° R. G. 1609/2011, avente ad oggetto: Opposizione a provvedimento di revisione patente di guida, promossa da:      G. A.,   nato a Taranto  ed ivi residente  ricorrente
     
                                                 
CONTRO     
MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI – DIREZIONE GENERALE PER LA MOTORIZZAZIONE, UFFICIO PROVINCIALE DI TARANTO,  in p.l.r.p.t.  resistente,
        
Conclusioni per la parte ricorrente: “ Voglia il Giudice di Pace adito, contrariis reiectis:  - in via prelim. ed in rito, sospendere gli effetti del provvedimento impugnato …;
 
- nel merito statuire l’annullamento  del provvedimento …; 
- condannare il Ministero  al pagamento delle spese e competenze di  lite a favore dell'avv. difensore anticipatario.”                               

                                                                 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO       

Con atto depositato in data 25.02.2011 il sig. G.si opponeva al provvedimento prot. n. …/154 emesso dall’Ufficio del Ministero indicato in epigrafe in data 13.01.2011 e notificato in data 01.02.2011.
      
Si assumeva in detto ricorso la nullità di detto provvedimento per diversi motivi, tra cui anzitutto un errore materiale commesso nell’aver calcolato la decurtazione dei punti ai sensi dell’art. 126 bis CDS, a seguito di diversi verbali di violazioni al Codice Della Strada.
       
Disposta la comparizione delle parti all’udienza del 20.04.2011 per la discussione della richiesta sospensione  ai sensi dell’art. 22 della legge n. 689/81e dell’art. 204 bis del CDS, nessuno compariva per il Ministero opposto, nemmeno costituitosi in seguito.
Compariva il sostituto del difensore dell’opponente, che si riportava all’atto introduttivo, chiedendone l’integrale accoglimento.
      
Pertanto, all’udienza di merito del 21.04.2011, l’opposizione dopo breve discussione, era decisa immediatamente con lettura dell’allegato dispositivo e con riserva di motivazione.
 

                                                                     MOTIVI DELLA DECISIONE      

In via preliminare, si esamina d’ufficio la competenza funzionale “ratione materiae” di questo giudice che il ricorso  de quo comporta.     
      
Fuori di dubbio che in tema di impugnazione di provvedimenti di decurtazione del punteggio ai sensi dell’art. 126 bis Codice Stradale la controversia rientra nella giurisdizione del Giudice Ordinario (v. Cass. , 9691/10, 20544/08 e 18270/07),  quella invece in tema  di provvedimenti di revisione della patente, disposta ai sensi dell’art. 126 bis CDS  ricade nella giurisdizione del giudice amministrativo, secondo la giurisprudenza predominante,  alla quale questo GDP aderisce ( in attesa che la Cassazione, a sezioni unite, si pronunci sulla questione), e ciò  in quanto l’art. 126 -bis, comma 6 del codice della strada, in realtà, presuppone una presunzione dubitativa sulla oggettiva idoneità alla guida da parte del titolare della patente che abbia  subito la perdita totale del punteggio, con conseguente revisione della patente di guida “ex lege”,  secondo quanto in particolare previsto dall’art. 128 dello stesso codice per come modificato a seguito della legge 29.07.2010 n. 120 a partire dal 13.08.2010.
         
Pertanto, la controversia di che trattasi,  allo stato attuale ricade nella competenza della giurisdizione del giudice amministrativo, ed in particolare del TAR Puglia-Sezione di Lecce.
        
Nulla si decide  per le spese di giudizio, atteso che la parte opposta non si è nemmeno costituita.
 

                                                                                   P.Q.M.       

Il Giudice di Pace di Taranto, dr. Martino Giacovelli, definitivamente pronunciando sul ricorso depositato dal sig. G. A. avverso il provvedimento prot. n. 250/154 emesso dall’Ufficio del Ministero indicato in epigrafe in data 13.01.2011 e notificato in data 01.02.2011, così provvede:
 
a)     dichiara la propria incompetenza per materia,  dichiarando competente il Tribunale Amministrativo di Lecce; 
b)     nulla per le spese di giudizio.       
Assegna al ricorrente termine 60 gg.  per riassumere il ricorso presso detto Giudice dichiarato  competente.
       
Così deciso a Taranto in data
21.04.2011               

                                                                                     Il Giudice di Pace 
                                                                                (dott. Martino Giacovelli)