Questo sito utilizza cookie di terze parti Se vuoi saperne leggi l informativa completa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Leggi Informativa Completa

Hai rifiutato cookie. Questa decisione pu essere invertita .

Hai appena dato il permesso ai cookie per essere immessi sul vostro computer. Questa decisione pu essere invertita .

Corte Costituzionale Ordinanza n° 50 - assegno bancario - mancato pagamento, in tutto o in parte, per carenza di provvista - 11.02.2011.

Scritto da La Redazione on . Postato in Articoli News

Giudizio di legittimita' costituzionale in via incidentale. Assegno bancario - Mancato pagamento, in tutto o in parte, per carenza di provvista - Preavviso di revoca al traente dell'autorizzazione ad emettere assegni - Necessita' che la relativa comunicazione sia effettuata prima del procedimento di applicazione delle sanzioni amministrative e sia estesa anche alla persona fisica che, dopo aver emesso l'assegno in qualita' di legale rappresentante di una persona giuridica, abbia perduto tale qualita' nel periodo tra la data di emissione e la scadenza del termine per il pagamento tardivo - Omessa previsione - Lamentata violazione del principio di uguaglianza per disparita' di trattamento a fronte di situazioni identiche, nonche' violazione del diritto di difesa - Parziale ed erronea ricostruzione del quadro normativo di riferimento - Carenze nella descrizione della fattispecie e nella motivazione sulla rilevanza - Manifesta inammissibilita' della questione. - Legge (GU n. 8 del 16-2-2011   




                                                                    LA CORTE COSTITUZIONALE  

composta dai signori: Presidente: Ugo DE SIERVO; Giudici: Paolo MADDALENA, Alfio FINOCCHIARO, Alfonso QUARANTA, Franco GALLO, Luigi MAZZELLA, Gaetano SILVESTRI, Sabino CASSESE, Giuseppe TESAURO, Paolo Maria NAPOLITANO, Giuseppe FRIGO, Alessandro CRISCUOLO, Paolo GROSSI, Giorgio LATTANZI; ha pronunciato la seguente Ordinanza
nel giudizio di legittimita' costituzionale degli articoli 8-bis e 9-bis della legge 15 dicembre 1990, n. 386 (Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari), promosso dal Giudice di pace di Perugia nel procedimento vertente tra F.A. e l'Ufficio Territoriale del Governo di Perugia con ordinanza dell'11 dicembre 2009, iscritta al n. 225 del registro ordinanze 2010 e pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica n. 35, prima serie speciale, dell'anno 2010.
Visto l'atto di intervento del Presidente del Consiglio dei ministri;
Udito nella camera di consiglio del 26 gennaio 2011 il Giudice relatore Alfio Finocchiaro.
Ritenuto: che, con ordinanza dell'11 dicembre 2009, il Giudice di pace di Perugia ha sollevato questione di legittimita' costituzionale degli articoli 8-bis e 9-bis della legge 15 dicembre 1990, n. 386 (Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari), per violazione degli articoli 3 e 24 della Costituzione nella parte in cui non prevedono che il procedimento amministrativo sanzionatorio di cui allo stesso art. 8-bis, nei confronti del traente che abbia emesso un assegno senza provvista, debba essere preceduto dalla comunicazione al traente del preavviso di revoca dell'autorizzazione ad emettere assegni ex art. 9-bis citato anche nell'ipotesi in cui egli sia il rappresentante della persona giuridica venuto a cessare dalle sue funzioni nel periodo intercorrente tra l'emissione dell'assegno e la scadenza per il pagamento, in modo da consentirgli di provvedere ex art. 8 al pagamento tardivo, cosi' impedendo l'applicazione delle sanzioni amministrative di cui all'art. 2 della stessa legge;
che il rimettente ha riferito che F.A. aveva proposto opposizione avverso un'ordinanza prefettizia con la quale gli era stato ingiunto, in qualita' di traente, di pagare una somma a titolo di sanzione amministrativa pecuniaria oltre alla sanzione accessoria amministrativa del divieto di emettere assegni per la durata di tre anni;
che il giudizio aveva ad oggetto l'accertamento dell'illegittimita' di un'ordinanza prefettizia emessa in applicazione della disciplina sanzionatoria in materia di assegni in virtu' dell'art. 22 della legge 24 novembre 1981 n. 689 (Modifiche al sistema penale); che con la medesima ordinanza si ingiungeva, in via principale all'amministratore ed in via solidale alla societa', il pagamento della sanzione pecuniaria, mentre si applicava al solo amministratore la sanzione accessoria dell'interdizione all'emissione di assegni per un periodo di anni tre;
che, secondo il giudice a quo, la persona fisica cui era destinata l'ordinanza prefettizia, al momento dell'emissione degli assegni in questione ricopriva la qualifica di amministratore della societa', mentre al momento della scadenza del termine previsto per il pagamento tardivo dei medesimi assegni non aveva piu' tale funzione;
che, medio tempore, infatti la societa' era stata posta in liquidazione ed era stata nominata, in qualita' di liquidatore, altra persona fisica esercente i poteri di nuovo rappresentante;
che la comunicazione di preavviso di revoca contenente tutti i dati per conoscere i termini di scadenza del pagamento tardivo era stata notificata, da parte della banca trattaria, alla societa' di cui si discute, mentre una pari comunicazione non era stata indirizzata dalla medesima trattaria all'ex amministratore; che vi sarebbe dunque un vuoto di tutela in quanto non vi sarebbero le garanzie concesse al traente nell'ipotesi in cui la stessa persona fisica abbia medio tempore cessato dalle relative funzioni di rappresentante della persona giuridica e non abbia piu' alcun relativo potere di disposizione del patrimonio di quest'ultima;
che la normativa impugnata quindi sarebbe illogica ed irrazionale e si porrebbe in insanabile contrasto con il principio fondamentale di uguaglianza di cui all'art. 3 Cost. - stante la disparita' di trattamento fra la persona fisica che abbia medio tempore cessato dalle relative funzioni di rappresentante della persona giuridica e chi non abbia cessato tali funzioni - e con il diritto di difesa di cui all'art. 24 Cost. per l'impossibilita' di sanare la propria inadempienza per impedire la configurazione dell'illecito;
che con atto del 21 settembre 2010, e' intervenuto nel giudizio il Presidente del Consiglio dei ministri, rappresentato e difeso dall'Avvocatura generale dello Stato, chiedendo che la questione venga dichiarata manifestamente infondata, per essere la stessa fondata su un'inesistente disparita' di trattamento: tale disparita' deriverebbe, invero, soltanto da una mera circostanza di fatto (la sopravvenuta cessazione dalla carica), e non da una diversa disciplina giuridica delle due situazioni;
che in entrambi i casi posti a raffronto, infatti, il soggetto qualificabile come traente e' sempre la persona giuridica, che ovviamente agisce per il tramite della persona fisica incaricata della sua rappresentanza; che, conseguentemente, il solo soggetto legittimato ad eseguire il pagamento differito sarebbe in entrambi i casi la persona giuridica;
che la persona fisica, quand'anche informata del mancato pagamento e del termine per il pagamento differito, non potrebbe invece mai personalmente eseguirlo con gli effetti liberatori previsti dalla legge; che, d'altra parte, nell'ipotesi (peraltro non riferita dal giudice a quo nel dare conto delle circostanze di fatto della causa principale) in cui la provvista sia venuta meno dopo che la persona fisica che aveva sottoscritto l'assegno quale legale rappresentante della persona giuridica sia cessata dalla carica, tale circostanza, se opportunamente dimostrata in giudizio, varrebbe a favore della suddetta persona fisica come esimente da qualsiasi responsabilita'.
Considerato: che il Giudice di pace di Perugia dubita della legittimita' costituzionale degli articoli 8-bis e 9-bis della legge 15 dicembre 1990, n. 386 (Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari), nella parte in cui non prevedono che il procedimento amministrativo sanzionatorio di cui all'art. 8-bis nei confronti del traente che abbia emesso un assegno senza provvista debba essere preceduto dalla comunicazione al traente del preavviso di revoca dell'autorizzazione ad emettere assegni ex art. 9-bis, anche nell'ipotesi in cui egli sia il rappresentante della persona giuridica venuto a cessare dalle sue funzioni nel periodo intercorrente tra l'emissione dell'assegno e la scadenza per il pagamento, in modo da consentirgli di provvedere ex art. 8 della stessa legge al pagamento tardivo, cosi' impedendo l'applicazione delle sanzioni amministrative di cui agli artt. 2 (sanzione pecuniaria) e 9 (revoca dell'autorizzazione ad emettere assegni) della stessa legge;
che sarebbero violati il principio di uguaglianza di cui all'art. 3 della Costituzione, per la disparita' di trattamento fra la persona fisica che abbia medio tempore cessato dalle relative funzioni di rappresentante della persona giuridica e chi non abbia terminato tali funzioni; nonche' il diritto di difesa di cui all'art. 24 della Costituzione, per l'impossibilita' di sanare la propria inadempienza, cosi' impedendo la configurazione dell'illecito; che il giudice a quo, per affermare l'applicabilita' al traente - che abbia cessato dalle funzioni di rappre
sentante della persona giuridica nel periodo intercorrente tra l'emissione dell'assegno e la scadenza per il pagamento - delle sanzioni prefettizie irrogate e, quindi, l'incostituzionalita' delle norme che le prevedono, si limita ad enunciare il principio secondo cui al traente che si trovi nella anzidetta situazione non e' dovuta la comunicazione del preavviso di revoca dell'autorizzazione ad emettere assegni; che, invece, egli non tiene in alcun conto le condizioni cui la revoca e' subordinata, le quali da un lato prevedono che all'atto della conclusione di convenzioni di assegno il cliente elegge domicilio ai fini delle comunicazioni previste dall'articolo 9-bis - ossia proprio quelle relative all'avviso per evitare le sanzioni (art. 9-ter della legge n. 386 del 1990) - e dall'altro la comunicazione del preavviso di revoca al domicilio eletto dal traente e, quindi, anche al rappresentante della persona giuridica che abbia perso tale qualita' (art. 9-bis della legge n. 386 del 1990);
che l'affermazione del remittente secondo cui «la comunicazione di c.d. preavviso di revoca contenente tutti i dati per conoscere i termini di scadenza del pagamento tardivo e' stata notificata da parte della banca trattaria alla societa' di cui si discute; una pari comunicazione non e' stata invece indirizzata dalla medesima trattaria all'(ex) amministratore» non implica in alcun modo che sulla base della normativa vigente tale comunicazione non dovesse essere fatta o che tale omissione non avesse conseguenze sulla legittimita' del provvedimento impugnato; che il rimettente, percio', basa le sue affermazioni su di una parziale ed erronea ricostruzione del quadro normativo di riferimento, che determina l'inammissibilita' della questione (ordinanze nn. 251 e 242 del 2010);
che, in ogni caso, l'ordinanza di rimessione presenta carenze in punto di descrizione della fattispecie e di motivazione sulla rilevanza tali da precludere lo scrutinio nel merito della questione (ordinanza n. 343 del 2010). Visti gli artt. 26, secondo comma, della legge 11 marzo 1953, n. 87, e 9, comma 2, delle norme integrative per i giudizi davanti alla Corte costituzionale;

Per questi motivi 

                                                                    LA CORTE COSTITUZIONALE

Dichiara la manifesta inammissibilita' della questione di legittimita' costituzionale degli articoli 8-bis e 9-bis della legge 15 dicembre 1990, n. 386 (Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari), sollevata, in riferimento agli articoli 3 e 24 della Costituzione, dal Giudice di pace di Perugia, con l'ordinanza in epigrafe.
Cosi' deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 7 febbraio 2011.
Il Presidente: De Siervo
Il redattore: Finocchiaro
Il cancelliere: Melatti
Depositata in cancelleria il 9 febbraio 2011.
Il cancelliere: Melatti