Questo sito utilizza cookie di terze parti Se vuoi saperne leggi l informativa completa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Leggi Informativa Completa

Hai rifiutato cookie. Questa decisione pu essere invertita .

Hai appena dato il permesso ai cookie per essere immessi sul vostro computer. Questa decisione pu essere invertita .

Corte Costituzionale Ordinanza n°349 - Riscossione delle imposte - Mancata indicazione, nella cartella di pagamento, del responsabile del procedimento - 01.12.2010.-

Scritto da La Redazione on . Postato in Articoli News

Giudizio di legittimita' costituzionale in via incidentale. Imposte e tasse - Riscossione delle imposte - Mancata indicazione, nella cartella di pagamento, del responsabile del procedimento di iscrizione a ruolo e di quello di emissione e di notificazione della cartella stessa - Sanzione di nullita' applicabile solo alle cartelle di pagamento relative ai ruoli consegnati agli agenti della riscossione a decorrere dal 1° giugno 2008 - Denunciata violazione del diritto di difesa e dei principi di buon andamento e di imparzialita' della pubblica amministrazione - Questioni identiche ad altre gia' dichiarate non fondate e, successivamente, manifestamente infondate - Manifesta infondatezza. - D.l. 31 dicembre 2007, n. 248, art. 36, comma 4-ter, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2008, n. 31. - Costituzione, artt. 24 e 97; legge 27 luglio 2000, n. 212, art. 7, comma 2, lett. a). (GU n. 49 del 9-12-2010   





                                                        LA CORTE COSTITUZIONALE


composta dai signori: Presidente: Ugo DE SIERVO; Giudici: Paolo MADDALENA, Alfio FINOCCHIARO, Alfonso QUARANTA, Franco GALLO, Luigi MAZZELLA, Gaetano SILVESTRI, Sabino CASSESE, Maria Rita SAULLE, Giuseppe TESAURO, Paolo Maria NAPOLITANO, Giuseppe FRIGO, Alessandro CRISCUOLO, Paolo GROSSI; ha pronunciato la seguente
Ordinanza nei giudizi di legittimita' costituzionale dell'articolo 36, comma 4-ter, del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 (Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria), convertito con modificazioni dalla legge 28 febbraio 2008, n. 31, promossi dal Giudice di pace di Giarre con due ordinanze del 16 giugno 2009, iscritte ai nn. 150 e 151 del registro ordinanze 2010 e pubblicate nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica n. 22, 1ª serie speciale, dell'anno 2010. Visti gli atti di intervento del Presidente del Consiglio dei ministri; Udito nella camera di consiglio del 17 novembre 2010 il giudice relatore Sabino Cassese. Ritenuto che il Giudice di pace di Giarre, con due ordinanze del 16 giugno 2009 (reg. ord. n. 150 e n. 151 del 2010), ha sollevato, in riferimento agli artt. 24 e 97 della Costituzione, questione di legittimita' costituzionale dell'art. 36, comma 4-ter, del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 (Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria), convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2008, n. 31, «nella parte in cui dispone che la nullita' delle cartelle di pagamento, per omessa indicazione del responsabile del procedimento di iscrizione a ruolo e di quello di emissione e di notificazione della stessa cartella, operi solo relativamente ai ruoli consegnati agli agenti della riscossione a decorrere dal 1° giugno 2008 e che la mancata indicazione dei responsabili dei procedimenti nelle cartelle di pagamento relative a ruoli consegnati prima di tale data non e' causa di nullita' delle stesse»; che il giudice rimettente riferisce che «le doglianze della parte attrice», in entrambi i giudizi principali, si riferiscono a cartelle di pagamento emesse sulla scorta di ruoli relativi all'anno 2007 e notificate rispettivamente in data 11 ottobre 2007 (r.o. n. 151 del 2010) e 5 maggio 2008 (r.o. n. 150 del 2010); che il rimettente afferma che la decisione del giudizio principale «deve essere preceduta» dalla soluzione della questione di legittimita' costituzionale della disposizione censurata; che la disciplina censurata, secondo il giudice a quo, si porrebbe in contrasto con l'art. 7, comma 2, lettera a), della legge 27 luglio 2000, n. 212 (Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente), la quale, come chiarito dalla Corte costituzionale nella sentenza n. 377 del 2007, ha previsto che gli atti dell'amministrazione finanziaria debbano tassativamente indicare il responsabile del procedimento amministrativo allo scopo di assicurare la trasparenza dell'attivita' amministrativa, la piena informazione del cittadino e la garanzia del diritto di difesa; che, di conseguenza, ad avviso del rimettente, la disciplina impugnata, nella parte in cui limita temporalmente la nullita' degli atti privi dell'indicazione del responsabile solo ai ruoli consegnati agli agenti della riscossione a decorrere dal 1° giugno 2008, si porrebbe in «insanabile contrasto» con «i principi costituzionali del buon andamento e dell'imparzialita' della pubblica amministrazione, sotto il profilo della trasparenza dell'attivita' amministrativa e della piena informazione del cittadino (art. 97 Cost.)», nonche' con «l'inviolabile diritto di difesa del cittadino medesimo che deve essere in grado di poter esercitare in modo effettivo e non astratto eventuali azioni nei confronti del responsabile del procedimento (art. 24 Cost.)»; che e' intervenuto, con riferimento ad entrambi i giudizi, il Presidente del Consiglio dei ministri, rappresentato e difeso dall'Avvocatura generale dello Stato, osservando che la disposizione censurata sarebbe gia' stata dichiarata illegittima da questa Corte con la sentenza n. 58 del 2009 e chiedendo che la questione di legittimita' costituzionale sollevata venga dichiarata inammissibile. Considerato che il Giudice di pace di Giarre, con due ordinanze del 16 giugno 2009, ha sollevato, in riferimento agli artt. 24 e 97 della Costituzione, questione di legittimita' costituzionale dell'art. 36, comma 4-ter, del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 (Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria), convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2008, n. 31, «nella parte in cui dispone che la nullita' delle cartelle di pagamento, per omessa indicazione del responsabile del procedimento di iscrizione a ruolo e di quello di emissione e di notificazione della stessa cartella, operi solo relativamente ai ruoli consegnati agli agenti della riscossione a decorrere dal 1° giugno 2008 e che la mancata indicazione dei responsabili dei procedimenti nelle cartelle di pagamento relative a ruoli consegnati prima di tale data non e' causa di nullita' delle stesse»; che deve essere preliminarmente disposta la riunione dei giudizi, in quanto concernenti la medesima disposizione e relativi a parametri identici; che sulle questioni di legittimita' costituzionale della disposizione censurata questa Corte si e' gia' pronunciata con la sentenza n. 58 del 2009 e, successivamente, con le ordinanze nn. 291 e 221 del 2009, nonche' n. 13 del 2010; che, diversamente a quanto affermato dall'Avvocatura generale dello Stato nel presente giudizio, con le richiamate decisioni, questa Corte ha dichiarato non fondate, e poi manifestamente infondate, le questioni sollevate, chiarendo che la norma censurata «dispone per il futuro, comminando, per le cartelle prive dell'indicazione del responsabile del procedimento, la sanzione della nullita', la quale non era invece prevista in base al diritto anteriore»; che, in particolare, nella sentenza n. 58 del 2009, la Corte ha stabilito che la norma censurata non viola l'art. 24 Cost., perche' «non incide sulla posizione di chi abbia ricevuto una cartella di pagamento anteriormente al termine da essa indicato», ne' contrasta con l'art. 97 Cost., che «non impone un particolare regime di invalidita' per gli atti privi dell'indicazione del responsabile del procedimento»), ne', infine, puo' ritenersi illegittima in quanto confliggente con «le previsioni della legge n. 212 del 2000», le quali non «hanno rango costituzionale», «neppure come norme interposte»; che, di conseguenza, per le ragioni gia' indicate nella sentenza n. 58 del 2009, la questione di legittimita' costituzionale sollevata e' manifestamente infondata. Visti gli artt. 26, comma 2, della legge 11 marzo 1953, n. 87, e 9, comma 2, delle norme integrative per i giudizi davanti alla Corte costituzionale.

Per questi motivi 

                                                       LA CORTE COSTITUZIONALE

Riuniti i giudizi, Dichiara la manifesta infondatezza delle questioni di legittimita' costituzionale dell'articolo 36, comma 4-ter, del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 (Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria), convertito, con modificazioni, dalla legge 28 febbraio 2008, n. 31, sollevate, con riferimento agli art. 24 e 97 della Costituzione, dal Giudice di pace di Giarre con le ordinanze in epigrafe.
Cosi' deciso in Roma, nella sede della Corte costituzionale, Palazzo della Consulta, il 29 novembre 2010. Il Presidente: De Siervo
Il redattore: Cassese
Il cancelliere: Di Paola
Depositata in cancelleria il 1º dicembre 2010. Il direttore della cancelleria: Di Paola